Formula 1: analisi passo gara Ungheria 2015

Temperature record, una Red Bull in gran forma e risultati contraddittori caratterizzano il venerdì magiaro: analisi passo gara Ungheria 2015

La Red Bull torna a spiegare le sue ali su un tracciato che premia i buoni telai e le vetture con carico aerodinamico importante. Tradizione non smentita, dunque sessione più che interessante quella di oggi.

Le temperature dell’asfalto hanno giocato con la linea dei 53° C per tutta la sessione, interrotta nel finale da una bandiera rossa provocata proprio dalla Red Bull di Daniel Ricciardo. L’australiano non incorrerà però in penalità in griglia avendo usato oggi un motore già a fine vita. Le “lattine” sono veloci come la Mercedes nell’analisi passo gara, mentre pagano una manciata di decimi sul giro secco. Sappiamo che le Mercedes sono abituate in ogni caso a caricare i serbatoi per le loro simulazioni gara a differenza di tutti gli altri teams, Williams a parte.

A proposito del team di Grove, solito venerdì “nascosto” con riscontri nella media per Bottas (che ha usato la nuova versione del musetto) e Massa. I due sono attesi ad una spumeggiante qualifica, mentre sembrano avere qualche leggera difficoltà con la gestione delle gomme posteriori.

Si va verso una gara a due soste, meteo permettendo: le previsioni danno ancora infatti un 40% di probabilità di pioggia nell’orario del GP, ma avremo maggiori certezze domani. Su asfalto asciutto dovremmo riuscire a rivedere (finalmente) una gara a due soste, con la mescola SOFT più veloce della MEDIUM di ben 1.8 / 2.0 secondi, gap che comunque dovrebbe assottigliarsi in funzione dell’evoluzione della pista.

In apparente difficoltà le Ferrari, con Raikkonen che verso il finale di FP2 ha dato l’impressione di poter avvicinarsi alla Red Bull di Kvyat sul passo gara, e con un Vettel per niente a posto con la vettura. La Ferrari ci aveva abituato a venerdì impressionanti, anche se con serbatoi più scarichi rispetto alla concorrenza. Se il programma di simulazione, e quindi i carichi di benzina, sono rimasti gli stessi ci aspetta un weekend durissimo…

Veramente interessante il passo gara di Alonso sulla gomma più morbida, ancora una volta a testimoniare la bontà del progetto McLaren, e della Toro Rosso con un Sainz sempre più “martello”.

Assenti per controlli di sicurezza, dopo il problema registrato durante le FP1, le due Force India di Hulkenberg e Perez.

analisi passo gara

Il vostro grafico per l’analisi passo gara!

Potrebbero interessarti anche...